Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

Il dialetto nella canzone italiana degli ultimi venti anni

il-dialetto...Oggi il blog di musica popolare italiana fa tappa in Sicilia, precisamente a Palermo nella nuova sala lettura della biblioteca del Dipartimento di Scienze Umanistiche, presso l’ex Convento di Sant’Antonino. L’appuntamento è per le 18.00. La presentazione del libro è organizzata all’interno del ciclo di seminari “Un libro in biblioteca” promosso dal dottorato in “Studi letterari, filologici e linguistici”.

L’occasione è buona per rilanciare il dibattito sulla musica popolare italiana, sul dialetto e sulle tradizioni che formano il Paese e valorizzano le identità di un popolo. Il tutto attraverso un libro di Roberto SottileIl dialetto nella canzone italiana negli ultimi venti anni”.

Molti sono gli artisti e i cantanti che negli ultimi anni hanno scelto e posto un’attenzione specifica al dialetto in generale e a quello siciliano in particolare. Una scelta linguistica che prende piede e si diffonde nell’intero panorama musicale italiano, segno di un Paese che prova a recuperare e valorizzare le terre dei suoni e a far rivivere le tradizioni popolari.

Il lavoro di Sottile non solo scava in profondità ma propone un’analisi specialistica di questo fenomeno. Il dialetto in questi anni è stato utilizzato da autori più o meno giovani. La Sicilia è una di quelle terre in cui avere uno sguardo privilegiato sul mondo: il rapporto tra dialetto e canzoni si fa vita e si proietta nel futuro rendendo la tradizione popolare viva. Da ciò l’autore prova a rintracciare i motivi e le scelte stilistiche effettuate da numerosi performer dei nostri giorni: dai cantautori ai rapper. Tutti presenti all’evento per suonare e cantare i propri lavori: Francesco Giunta, Ezio Noto (Disìu), Peppe Qbeta, Malanova, Vorianova, Moffo Schimmenti e Giovanni Cannatella.

La forza comunicativa del dialetto, la poesia di una lingua specifica, il suono di una terra, l’identità di un popolo, la forza del ritmo e la volontà delle origini, questi sono i diversi punti di vista che emergono in modo chiaro e netto all’interno del lavoro di Roberto Sottile.

L’Autore analizza creando un incontro e contemporaneamente uno scontro tra il lessico, la grammatica, la fonetica, gli aspetti morfologici e sintattici. Il dialetto di oggi attraverso la canzone si muove continuamente tra vecchio e nuovo, tra tratti che denotano l’appartenenza ad un luogo preciso e tra arcaismi, italianizzazioni e neologismi.

Il volume, che parte da una riflessione sullo stato attuale della competenza linguistica dialettale in Sicilia rispetto alle altre zone d’Italia, non può non partire dall’archè. La grandezza e l’influenza di Rosa Balistreri sui compositori più giovani e su quelli meno giovani.

Vi presentiamo uno degli esempi più conosciuti. Buona musica popolare italiana

http://youtu.be/wJZ-dVTrV8M



Tag: