Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

L'Orchestra Multietnica di Arezzo LIVE a Roma: ecco "Credoinunsolodio", esperimento di musica e teatro

Credoinunsolodio su Musica Popolare Italiana
Trascorrerete questo weekend a Roma? Allora vi consigliamo di non perdervi questo grande appuntamento legato alla musica popolare italiana: al Teatro Tor Bella Monaca della capitale, infatti, andrà in scena "Credoinunsolodio", spettacolo in cui sarà protagonista l'Orchestra Multietnica di Arezzo (OMA).

Da sempre protagonista di un percorso di culture e di tradizioni, di pace e di guerra, di nomadismo e di amore per le proprie radici, l'OMA dall'11 al 13 aprile 2014 sarà impegnata in un esperimento fra musica e teatro insieme ad Amanda Sandrelli: l'attrice e regista, figlia di Gino Paoli e Stefania Sandrelli, darà lettura del testo appositamente concepito da Stefano Massini fondendosi con le sonorità dell'Orchestra.

Lo spettacolo è quindi un vero e proprio recital in cui parola, canto e musica saranno una cosa sola. A prendere vita sul palco ci saranno i ritratti di tre donne, diverse ma intrecciate tra loro, e un labirinto. Ognuna delle tre donne sarà autrice di un monologo, parallelo a quello delle altre, e portatrice di una propria storia personale che ha radici molto profonde e che, unita a quella delle altre, creerà ordine nel caos. Come sorprese in una folla di una qualsiasi città, ecco quindi svelarsi i profili di Eden Golan, docente di storia ebraica. Mina Wilkinson, in forza all’esercito USA e, infine, Shirin Akhras, ventenne studentessa palestinese.

Ecco perché l'Orchestra Multietnica di Arezzo appare la formazione più adatta per un esperimento del genere: l'OMA ha da sempre cercato le radici dell'identità dei vari popoli del mondo, arrivando alla conclusione che spesso le differenze sono soltanto apparenti. E a fare da collante, spesso, ci sono proprio i sapori, i ritmi e i suoni. Non a caso, l'Orchestra ha avuto tra le sue fila figure del calibro di Enrico Fink, tuttora direttore dell'OMA, e Jamal Ouassini, che l'ha accompagnata per il suo primo anno di attività: un arabo e un ebreo, per accentuare ancora di più il messaggio di pace contenuto nel progetto.

https://www.youtube.com/watch?v=7yOnCaQEq_4



Tag: