Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

Gianni Perilli e l'Altretnica per il rilancio di zampogna e ciaramella

Gianni Perilli e l'Altretnica su Musica Popolare Italiana

Nell'ambito degli studiosi di strumenti tipici della musica popolare italiana, particolare risalto assume la figura di Gianni Perilli.

Figlio d' arte, compositore e arrangiatore, Gianni Perilli è uno strumentista eclettico che, nel corso della sua carriera, ha sempre provato a proiettare nel futuro due strumenti del passato: la zampogna e la ciaramella.

Studioso di musica e artista straordinario, nella sua carriera ha stretto collaborazioni con tantissimi nomi importanti del panorama italiano: la sua ciaramella lo ha portato a suonare con il Canzoniere Internazionale, Musica Nova, Eugenio Bennato, Tullio De Piscopo, Pino Daniele, Tony Esposito, Rosario Jermano, Patrizio Trampetti.

Molte sono state anche le sue esibizioni nei maggiori teatri d'Italia, accanto a personaggi del calibro di Bruno Cirino, Mariano Rigillo, Concetta e Peppe Barra, Maurizio Scapparo.

Tra i suoi vari sodalizi artistici, particolare menzione merita quello con il maestro Ennio Morricone: per lui ha eseguito da solista la colonna sonora del film "I Magi Randagi" di Sergio Citti e, esperienza non da meno, parte delle musiche del film "Baaria" di Giuseppe Tornatore. Ha inoltre suonato nell'orchestra Roma Sinfonietta, diretta dallo stesso maestro, sia in Italia che all'estero.

Dopo essere stato parte di tante formazioni musicali (Musicisti Basso Lazio, Archè, Grano, Canzoniere dell'Appia, Haakbus) e avere sperimentato la zampogna e la ciaramella anche in chiave jazz (accanto a Paolo Damiani, Giancarlo Schiaffini e Savio Riccardi), Gianni Perilli ha abbracciato un nuovo progetto: l'Altretcnica.

L’Altretnica è un miscuglio di stili, strumenti ed espressioni musicali che, partendo dalla musica tradizionale dell’Italia centromeridionale, si apre ad altri generi ed influenze musicali come jazz, blues, rock, lirico, afro.

Accanto alle due doti artistiche, il suo merito principale è essere riuscito ad elevare la ciaramella e la zampogna al decoro di veri e propri strumenti da concerto.

http://www.youtube.com/watch?v=gnQaPzeSwW0