Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

E' online il n.428 di Blogfoolk

Link:
https://www.blogfoolk.com/2019/10/numero-428-del-17-ottobre-2019.html
Data scadenza:
Contatto:
Salvatore Esposito - Direttore Editoriale
E-mail:
blogfoolkATgmailDotcom
Telefono:
Area
World
Nome scuola:
Blogfoolk
Sito ufficiale o Facebook:
www.blogfoolk.com
Indirizzo sede principale:
Caserta
Indirizzo sede secondaria:
Roma
Contatti (mail o telefono):
Registrati per votare

Il numero 428 di Foolk Magazine, di cui presentiamo il nuovo logo, si apre con la storia di copertina, dedicata a “Grano”, l’album di Marta De Lluvia, già selezionato nella cinquina alle Targhe Tenco 2019, vibrante nella sua tensione costante per la ricerca che ha condotto la cantautrice marchigiana a girare in lungo e in largo per l’Europa. Vita quotidiana, emozioni e riflessioni sull’esistenza permeano il lavoro di un’artista in movimento che si è raccontata con la delicatezza e sicurezza che la caratterizzano. Segue l’intervento di Paolo Mercurio, dal titolo “MusicHology: polifonia strumentale e polivocalità tradizionale sarda patrimoni dell’umanità”. Nello spazio world, proponiamo le recensioni di “Orinoco” dei colombiani Cimarrón e di “Pura Vida” della portoghese Misía. Ci spostiamo in Russia per il contributo di Flavio Poltronieri dal titolo: “Vladimir Vysotskij: L’incontro immaginario”. Per la musica dal vivo, raccontiamo la dodicesima edizione del Premio Andrea Parodi, sempre più luogo di incontro e di riflessione sui suoni del mondo, andato in scena a Cagliari dal 10 al 12 ottobre, che ha visto trionfare il trio Fanfara Station. Poi c’è la cronaca del concerto tenuto dal virtuoso del kemanche iraniano Kayhan Kalhor con il Rembrandt Frerichs Trio al Southbank Centre di Londra lo scorso 11 Ottobre. Torniamo a parlare di corde e di attraversamenti sonori con “Yorgo”, il disco postumo dell’indimenticato polistrumentista napoletano Gino Evangelista. Ancora, ci sono Laurie Anderson, Tenzin Choegyal e Jesse Paris Smith con il loro notevole “Songs From The Bardo”, mentre il fermo immagine di Valerio Corzani presenta il batterista romano Fabrizio Sferra.