Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

E' online il n.374 di Blogfoolk

Link:
www.blogfoolk.com/2018/09/numero-374-del-20-settembre-2018.html
Data scadenza:
Contatto:
Salvatore Esposito - Direttore Editoriale
E-mail:
blogfoolkATgmailDOTcom
Telefono:
Area
World
Nome scuola:
Blogfoolk
Sito ufficiale o Facebook:
www.blogfoolk.com
Indirizzo sede principale:
Caserta
Indirizzo sede secondaria:
Roma
Contatti (mail o telefono):
Registrati per votare

La copertina di Blogfoolk # 374 è dedicata a “Infinite Space”, il nuovo album del Pino Jodice Jazz Trio, nove brani che traggono ispirazione dalle fascinazioni e dai misteri dal cosmo, dedicati agli studi di Stephen Hawking e Margherita Hack. Dall’incontro con il pianista napoletano scaturisce il racconto della genesi compositiva di un lavoro ambizioso quanto affascinante, costruito su composizioni declinate attraverso tempi dispari, melodie ricercate e armonie complesse. Dalle strade del jazz ci incamminiamo verso i sentieri tard & world con “Turas 1980”, un doppio album dal vivo della storica band irlandese dei Clannad, registrato all’Università di Brema nel 1980 a margine di un lungo tour per la promozione di “Crann Ull”. Dalla Finlandia, invece, arriva “Ääneni Yli Vesien” degli Okra Playground. Da ultimo, ci cattura “One Sky”, la nuova produzione del Rahim Alhaj Trio, nostro disco consigliato della settimana. Di nuovo in Italia, rotta a Sud, per giungere nel Salento per “Concerto Alla Rimesa”, un bel disco dal vivo, che documenta la fortunata esperienza de Li Ucci Orkestra, un large ensemble nato in seno al festival e al premio omonimo, di cui Blogfoolk è media partner. Restiamo in Puglia, per la musica dal vivo, con il racconto dell’edizione 2018 del Talos Festival, la vivace rassegna diretta da Pino e Livio Minafra, che ogni anno offre uno sguardo sul mondo delle bande declinato tra jazz, musica contemporanea e suoni world all’insegna del trinomio melodia, ricerca e follia. Direttamente da Belgrado, ci arriva poi la cronaca di Todo Mundo, festival world andato in scena nella capitale serba dal 30 agosto al 2 settembre. Dallo scaffale abbiamo selezionato l’agile quanto gradevole volume “33 Giri. Guida ai Cantautori Italiani. Gli anni Settanta”, firmato da Mario Bonanno. Ancora recensioni con “A Noise A Sound” di Roberto Musci e Giovanni Venosta. In conclusione, lo scatto di Corzani Airlines, che ritrae il percussionista senegalese Dudu Kouate. Con immensa tristezza, ricordiamo, Rachid Taha, scomparso a Parigi all’età di 59 anni. Algerino di Orano, cresciuto a Lione, dove la sua famiglia era emigrata. E’ stato il fondatore dei Carte de séjour, poi, da solista, ha messo insieme stilemi folk e pop algerini, i Clash e il rock’n’roll. In fine, non possiamo non rivolgere un pensiero anche a Maartin Allcock, esponente di punta del folk-rock inglese e già membro dei Fairport Convention, e al cantautore di origine serba Goran Kuzminac, entrambi venuti a mancare qualche giorno fa. Blogfoolk # 374 cover is for “Infinite Space”, the new release by Pino Jodice Jazz Trio, containing nine tracks inspired by the fascinations and mysteries of the cosmos and dedicated to the studies of Stephen Hawking and Margherita Hack. We interviewed the Neapolitan pianist, who presented the compositional genesis of this ambitious and fascinating work, whose compositions are declined through odd metres, refined melodies and complex harmonies. From the jazz alleys we walk towards the paths of traditional & world music with Clannad’s “Turas 1980”, a double live album recorded by the seminal Irish band at the University of Bremen in 1980, within a long tour promoting their album “Crann Ull”. From Finland it comes “Ääneni Yli Vesien” by Okra Playground. Finally, we are hooked by Rahim Alhaj Trio’s new offspring “One Sky”. A homecoming to head to Puglia for “Concerto Alla Rimessa”, the successful experience of Li Ucci Orkestra, a large ensemble, created within the epnonymous festival and the namesake award, an event festival of which “Blogfoolk” is a media partner. Still in Puglia, then, for our live music page presenting the story of the 2018 edition of “Talos Festival”, a lively festival directed by Pino and Livio Minafra, offering yearly a glimpse of the brass bands world declined amongst jazz, contemporary music and world sounds in the name of melody, research and madness. Directly from Belgrade we get the chronicle of “Todo Mundo”, a world music festival staged in the Serbian capital from August 30th to September 2nd. This week’s reading is the fresh and pleasant volume “33 Giri. Guida ai Cantautori Italiani. Gli anni Settanta” written by Mario Bonanno. A review again with “A Noise A Sound” by Roberto Musci and Giovanni Venosta. In conclusion, Corzani Airlines’ shot portrays the Senegalese percussionist Dudu Kouate. With immense sadness, we cannot but remember Rachid Taha, who passed away, aged 59 in Paris. Oran-born musician and singer, Taha grew up in Lyon, where his family had moved. He was the founder of the band Carte de séjour. In his solo career, then, he fused Algerian folk and pop, The Clash and rock’n’roll. Another thought is to Maartin Allcock, former member of Fairport Convention, and to the singer-songwriter Goran Kuzminac, both passed away some days ago.