Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

E' online il n.358 di Blogfoolk

Link:
www.blogfoolk.com/2018/05/numero-358-del-17-maggio-2018.html
Data scadenza:
Contatto:
Salvatore Esposito - Direttore Editorial
E-mail:
blogfoolkATgmailDOTcom
Telefono:
Area
World
Nome scuola:
Blogfoolk
Sito ufficiale o Facebook:
www.blogfoolk.com
Indirizzo sede principale:
Caserta
Indirizzo sede secondaria:
Roma
Contatti (mail o telefono):
Registrati per votare

La copertina di Blogfoolk #358 è per “Pontos”, secondo album degli etnei Oi Dipnoi. Il nuovo lavoro nasce da un viaggio, reale ed elettivo attraverso i mari del mondo. Infatti, “Pontos” è una divinità greca che simboleggia il “mare profondo”. Ne scaturisce un itinerario sonoro fascinoso del quale non potevamo non farci raccontare i dettagli dallo stesso trio. Un’opera prima, invece, per Coro Vesuviano (“It’s A Girl. Femmenesagerate!”), large ensemble vocale e strumentale, nato dall’idea di Anna Maria Caccavale, con l’intento di recuperare la forza, l’espressività, la musicalità naturale della lingua napoletana. Sul versante internazionale, seguiamo il ritorno della canadese Loreena McKennitt con “Lost Soul”. Proviene da tutt’altra latitudine sonora “Trino”, il nuovo disco di Aca Seca Trio, formazione ispirata alla canzone popolare argentina. Per la rubrica Memoria, Flavio Poltronieri ci offre un ritratto di Matteo Salvatore prendendo spunto da uno spettacolo dedicato al cantastorie pugliese andato in scena il 22 aprile presso l’Associazione Culturale Arsensum di Trani. Per la live music facciamo tappa all’edizione 2018 de La Musica nelle Aie, di Castel Raniero (10- 13 maggio). Nella pagina dedicata alla canzone d’autore presentiamo “Gospel”, nono album in carriera del cantautore romano Valerio Billeri, mentre per i Suoni Jazz recensiamo “Press Enter” del Gregg Lamy Quartet. Focus anche su “Music For Installations”, eccellente cofanetto realizzato da Brian Eno. Chiudiamo con l’immagine selezionata da Corzani Airlines per ritrarre Jowee Omicil, sassofonista geograficamente “apolide”, propugnatore di un di matrice contemporanea aperto a svariate influenze.